Quello che vorrei scoprire

Onoro il titolo di questo blog con una declinazione un po’ più ristretta. Lo scrivo oggi per motivi di attualità ma lo penso ormai da un po’ di anni, da quando ho conosciuto Davide. Davide era la mia tartarughina, un bimbo con evidenti problemi di deambulazione visto che la tetraparesi spastica non gli lasciava un gran controllo sui suoi movimenti. Un pomeriggio come tanti, quell’estate, aspettava di essere scelto da un suo amichetto: stavano formando le squadre non ricordo per quale gioco. Rimase l’ultimo. Uno dei due bimbi, quello che in sostanza non aveva più tanto da scegliere si mise a piangere e urlare che non voleva in squadra un handicappato. Proprio così. Davide non disse nulla, corse dietro un cespuglio e si mise a piangere. Mi si chiude la gola ogni volta che penso a quello che mi ha detto quando l’ho raggiunto. Non è colpa mia se sono nato così. Cosa credono che l’ho fatto apposta?

Da quel giorno io e Davide siamo una squadra.
Vorrei scoprire che in questa squadra ci sono altre persone che non usano più la parola handicappato a vanvera. O meglio vorrei che questa parola non fosse proprio più usata.

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. 50sfumaturedimamma ha detto:

    Leggo ora e…nulla. Solo mi si è stretto il cuore.Volevo solo dirtelo.I bambini spesso sono crudeli.Sta anche a noi, però, insegnare loro che certe parole non vanno usate e che certi atteggiamenti fanno male. Come dico sempre al mio treenne per chiarirgli il concetto: spezzano il cuoricino. E quando il cuoricino si spezza, si sente tanto tanto male.Un abbraccio,Klarissa

  2. nicomamma ha detto:

    Klarissa, sono contenta di avere un riscontro su questo post. Credo che un bambino crudele sia figlio di genitori poco sensibili o crudeli a loro volta. Purtroppo nelle scuole (addirittura superiori) ne ho avuto la prova: i ragazzi che seguivo non avevano problemi con i loro coetanei ma piuttosto con gli insegnati (per loro era tempo perso).Serve una generazione nuova anche in questo, in grado di azzerare i pregiudizi e ripartire. A noi mamme il compito di dare il via.:D

  3. 50sfumaturedimamma ha detto:

    Genitori crudeli non lo so, poco sensibili, poco empatici, sicuramente. E spero tu abbia ragione a nutrire speranze sul passaggio generazionale. Di certo noi genitori abbiamo una responsabilità e dobbiamo farci fronte, per quanto non sia affatto semplice.Pensare a degli insegnanti così superficiali, comunque, fa rabbrividire, lasciamelo dire.Kla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...