I cibi che coccolano

Sono i piatti della nostalgia, che coccolano perché ti ricordano l’infanzia. Così non è detto che siano per forza a base di cioccolato. Possono anche essere un panino alle acciughe o un buon sugo, cibi di cui ricordi ancora il profumo quando entravi a casa dopo un pomeriggio in cortile. Piatti poco elaborati ma strutturati a forza di affetto. Un esempio solo. Quell’uovo sbattuto che un po’ tutti abbiamo mangiato perché, in chissà quale periodo della nostra vita, un papà o una nonna ci ha visto un po’ troppo magretti.

1UOVO SBATTUTO

A raccogliere questa e molte altre ricette ci ha pensato Ilaria Mazzarotta. “Non ho mai mangiato qualcosa che non mi piacesse fino in fondo. E per non correre rischi ho sempre cucinato” racconta lei che è una foodblogger e ha già pubblicato due libri sul tema cibo e famiglia. L’ultimo – il terzo – è appena uscito per Gribaudo, si chiama“Comfort foodie” dove foodie è praticamente il corrispettivo di groupie.

“Nutrirsi – conclude – deve essere un piacere. Così, secondo me, non esiste un’alternativa al comfort food, ovvero al cibo che coccola. Chi si vuole bene, mangia bene”. Quindi nessuna paura, questo non è un libro che spinge a mangiare in continuazione. Anzi. Piuttosto che mangiare un piatto anonimo, che non tocca il cuore, meglio stare senza.

Se volete un’anteprima, qui  ci sono dieci cibi coccola di Ilaria Mazzarotta (con relative ricette).

(foto da Comfort Foodie, di Ilaria Mazzarotta. Gribaudo editore)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...