Che bello Kandinsky con i bimbi

foto (5)

Vederlo lì con le cuffie in testa e tutto bello concentrato su un quadro di Kandinsky mi ha fatto un bell’effetto. Luca ha 5 anni e non aveva mai visto una mostra. La prima – quella di Warhol  – sempre a Palazzo reale a Milano non l’aveva molto coinvolto. Forse anche perché non sono stata brava io ad interessarlo più di tanto. Così ha fatto il percorso un po’ distrattamente, senza fermarsi a guardare meglio. Giusto il tempo di dare un’occhiata alle bottigliette di Coca Cola o a The last supper (gli è piaciuta l’idea di vedere Gesù a tavola e non in croce).

Silver Coke BottlesA Self-Portrait, 1986010 Self-Portrait in Drag 020_CTA1_NY_MAY11_8-27.pdf

La sorpresa è stata con Kandinsky . Abbiamo preso all’ingresso l’audio guida per bambini, e abbiamo fatto l’esperimento. Fantastico. Voleva il bis: gli era piaciuto così tanto che voleva rivedere la mostra daccapo. Ha visto e ascoltato tutta la collezione (80 quadri) come se fosse una storia.

foto (6)

3G08761 3G08739 4R00871 3G08765 3G08612

Così il mio piccoletto mi ha insegnato che Kandinsky ha dipinto “La macchia rossa” 100 anni fa, il 25 febbraio 1914. Era appena scoppiata la guerra e lui ha fatto questo quadro in un giorno solo.

Info pratiche:

è possibile acquistare un biglietto unico per le due mostre:

€ 19,00 (anziché € 22,00)
€ 17,00 (anziché € 19,00) per gli aventi diritto a riduzione
I bambini fino ai sei anni non pagano e le audioguide (le cuffiette) sono gratuite.

Warhol, a Palazzo Reale, Milano fino al 9 marzo

Kandinsky, a Palazzo Reale, Milano fino al 27 aprile

*foto di 24 ore cultura

Un commento Aggiungi il tuo

  1. Kika ha detto:

    Ma che bello, il tuo bimbo è stato letteralmente rapito da Kandinsky e dalle sue opere! 🙂
    Questo mi conferma nell’idea che Kandinsky è il perfetto iniziatore all’Arte. Sono finita sul tuo blog cercando info sulla mostra di Milano (dato che ero rimasta un po’ delusa da quella dello scorso anno a Pisa), ma vedendo il titolo mi sono incuriosita… Il fatto è che il mio amore per Kandinsky (e per l’arte in sè) si è tradotto in un racconto che ho scritto, per meglio dire un gioco-racconto (come i librogame o le storie a bivi di Topolino ;), dove il pittore russo e la sua teoria diventano la chiave per ritrovare l’arte in un mondo in cui non esiste più.
    Si chiama “Il Risveglio – The Kandinsky Conspiracy”, è in formato digitale e se ti può interessare lo trovi gratuitamente sul sito di Porto d’Arti, l’associazione culturale che l’ha “preso in cura”: http://www.portodarti.it/ilrisveglio_kandinsky.html
    (volendo c’è anche una pagina Facebook dedicata: https://www.facebook.com/kandinskyconspiracy?ref=hl )
    Nel caso fammi poi sapere cosa ne pensi 🙂
    Ti saluto e ti faccio i complimenti per aver saputo mettere il tuo bimbo sulla strada giusta, e credo non solo nel campo “arte”. Ciao Nicoletta!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...