Allenarsi alla gentilezza, per cambiare vita

il

Le scoperte più recenti della psicologia positiva e delle neuroscienze ci svelano che la felicità non è frutto del caso. Serve un allenamento quotidiano per praticare l’ottimismo e la gratitudine, perché il nostro cervello continua a trovare sempre qualcosa che non va, cerca cioè di rintracciare in tutto ciò che vede una potenziale minaccia alla vita. Succede da almeno tre milioni di anni e ha a che fare con l’istinto di sopravvivenza. Diversi esperimenti hanno poi dimostrato che il nostro cervello attiva automaticamente sentimenti negativi perché reagisce più velocemente e intensamente agli stimoli negativi che a quelli positivi. In linea con questi risultati, il dolore per la perdita di qualcosa è in media tre-quattro volte più forte rispetto all’intensità della gioia che si prova quando la si possiede. Così, in un rapporto di coppia, ci vogliono almeno cinque buone azioni per bilanciare i danni di una sola cattiva azione. 

La buona notizia è che questo automatismo può cambiare, basta solo allenarsi un po’, per tre minuti al mattino e per tre minuti al pomeriggio. È il tempo che ci vuole per compilare un diario.

Dominik Spenst in “6 minuti al giorno per trovare la felicità” (Vallardi) https://www.amazon.it/minuti-giorno-trovare-felicità/dp/8869879607 dice che ” ciò che rende speciale questo diario è il fatto che ogni paragrafo delle routine del mattino e della sera porta automaticamente allo sviluppo di un nuovo e vantaggioso comportamento, che entra a far parte della tua vita in un periodo approssimativo di 66 giorni. Ogni mattina e ogni sera per i prossimi 6 mesi tesserai la tua tela, coltiverai la tua vita in una serra di abitudini positive”. In sostanza si può allenare il cervello come i bicipiti. Nel nostro cervello infatti la corteccia prefrontale è responsabile dell’autocontrollo, qui in sostanza risiede la nostra forza di volontà. “Quando l’attività di un’area del cervello aumenta – continua l’esperto – si assiste a una crescita e a una ristrutturazione dei percorsi neuroni. La stessa area aumenta le sue dimensioni”. Così se voi mangiare due porzioni di frutta ogni mattino e meditare ogni pomeriggio, dopo circa 66 giorni grazie alla neuroplasticità i tuoi percorsi neuronali si saranno riprogrammati per fare queste attività. E lo stesso avviene con l’ottimismo o un diverso modo di vedere le cose. 

Ecco da dove partire. 

  1. La routine del mattino

Il modo in cui ti alzi al mattino spesso determina il tipo di giornata che vivrai. Prenderti cura di te prima di affrontare le diverse incombenze quotidiane è un dovere che hai nei tuoi confronti. È meglio partire con le batterie cariche, non in riserva. Metti in cima alla lista le tue priorità e impegnati a inserire tre minuti di riflessione nel tuo programma mattutino. 

2. Esprimi la tua gratitudine

“Grazie, perché…”: è il primo pensiero su cui riflettere al mattino. Fare della gratitudine parte integrante della propria vita genera automaticamente una mentalità ottimista. Gratitudine e ottimismo viaggiano a braccetto. Se pratichi consapevolmente la gratitudine, dirigerai la tua attenzione verso ciò che ti rende felice e verso le cose che ti piacciono. 

3. Come rendere magnifica la tua giornata

Se vuoi essere una persona attiva tieni amente tre cose: devi vedere “la chiesa” che vuoi costruire per avere il giusto approccio verso i tuoi obiettivi; devi decidere quali sono i muri che vuoi costruire, vale a dire, devi stabilire priorità e obiettivi intermedi; infine devi posare i mattoni l’uno sull’altro. Concentrati sui “muri” e scrivi quali sono i “mattoni” che devi usare, le piccole azioni che ti saranno essenziali per raggiungere il tuo obiettivo.

4. Il metodo del martello pneumatico

Scegli un’affermazione positiva che riguardi ciò che davvero vuoi ottenere nella tua vita e scrivila ogni giorno. La ripetizione ti porterà a interiorizzarla. Questo metodo “martellerà” virtualmente il tuo inconscio finché non sperimenterai consapevolmente i suoi benefici e diventerà parte della tua vita. Attenzione: è importante che la tua frase sia positiva. Non funziona dire “Non mangerò più cioccolata”. Neppure funzionano frasi generiche. È importante iniziare le tue affermazioni positive con un verbo attivo, per esempio “Sono” oppure “Ho”, “Voglio”, perché così il tuo inconscio processerà immediatamente questa informazione.

5. Piccole buone azioni quotidiane

Questa parte del diario mira a rendere più intenzionale la tua capacità di aiutare gli altri e più consapevole la tua attenzione circa ciò che fai. Le persone che aiutano gli altri con piacere mostrano una maggiore tendenza al comportamento prosociale e si considerano più felici rispetto a chi non lo fa. È importante che presti attenzione a tutti i gesti di gentilezza, anche piccolissimi, che puoi fare ogni giorno. 

6. Riflettere su come è possibile migliorare

È fondamentale avere in mente una destinazione, ma a contare davvero è il percorso per raggiungerla. Detto altrimenti, i risultati non ci definiscono, è il processo a farlo. Il punto da tenere a mente è che solo tu sei il responsabile del tuo domani e che non potrai mai essere un individuo perfetto, ma potrai lavorare per migliorarti costantemente. 

7. Non paragonarti agli altri, paragonati alla persona che eri ieri

Ogni volta che usi il Diario procedi esattamente in questa direzione. Questo Diario non è soltanto un delizioso memento per i mesi o gli anni a venire, è anche un promemoria delle tappe del tuo percorso e perciò un affidabile metro di paragone per valutarti. La domanda della routine della sera su come pensi di migliorare ti aiuterà a monitorare la tua crescita, mentre la rilettura di quello che hai scritto ti farà individuare con facilità tendenze e schemi.

8. Crea il tuo kit del buonumore

Talvolta non è facile affrontare le sfide della vita. Ci sono situazioni che ci buttano giù e nonostante tutta la buona volontà non riusciamo a sentirci alla grande. Sono momenti in cui senti il bisogno di uno stimolo che ti aiuti a ricordare le cose essenziali della vita. Scrivendo tre cose del tutto nuove ogni giorno, finirai la settimana con un tesoro di preziose ragioni per cui essere felice. 

 

Articolo pubblicato su Huffington Post Italia qui: https://www.huffingtonpost.it/entry/allenarsi-alla-felicita-bastano-6-minuti-al-giorno-e-un-diario-per-cambiare-vita_it_5cf120b3e4b0a1997b68e38a 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...